Utilizziamo i cookie, anche di terze parti, per consentire la fruizione ottimale del sito. Proseguendo la navigazione, si accetta il nostro utilizzo dei cookie. Per maggiori informazioni o negare il consenso, LEGGERE QUI.
Ok
Ti trovi in: / Novità e comunicati / Comunicati stampa
condividi su:
Facebook
Google
RSS:
<< Inizio < Indietro Avanti > Fine >>
 

AUTISTI ASSUNTI, I DATI IN ATAF

Ataf ha chiesto ieri al giornale La Repubblica (cronaca di Firenze) di rettificare alcune informazioni inesatte. Di seguito, il testo inviato con i dati esatti delle ultime 75 assunzioni avvenute in azienda. In basso l'articolo uscito sul giornale.

Secondo gli articoli apparsi venerdì e sabato sul vostro giornale, delle ultime 75 assunzioni fatte in Ataf, 60 provengono dalla Campania. Il dato non è corretto: le assunzioni provenienti dalla Campania sono 35. Nell’articolo del 1 giugno è scritto: “Quando si dice le coincidenze. Annotate questi nomi: Sant’Antimo, Caivano e San Giorgio a Cremano. Sono tre Comuni della Campania (…) i principali “fornitori” di autisti per Ataf”. Il personale selezionato dai tre comuni citati è di numero 4 (quattro) autisti (1 dal Comune di Caivano, 2 da San Giorgio a Cremano, 1 da Sant’Antimo). E, in generale, la percentuale di provenienza degli autisti dal sud Italia, simile a quelle effettivamente esistente in Ataf, è diffusa in tutte le aziende del centro-nord.
L’azienda di trasporto fiorentina ha emesso un bando pubblico a livello nazionale lo scorso anno. Alle selezioni sono stati ammessi candidati che possedevano esclusivamente i requisiti validi ai sensi del bando stesso, tra cui: età 21-28 anni, patente D per mezzi pesanti–autobus, più un certificato di abilitazione professionale per il trasporto di passeggeri. Sempre nel vostro articolo del 1 giugno si dice: “Che sta accadendo? Una semplice coincidenza la concentrazione di campani in viale dei Mille? Nessuno ne parla apertamente. Tutti lo sussurrano”. Abbiamo appena risposto sopra, fornendo i dati in maniera chiara e trasparente. Riguardo al titolo del 2 giugno: “Ataf, burattinaio dietro le assunzioni?”, ricordiamo che i candidati sono stati sottoposti ad esami scritti tenuti da una società esterna ad Ataf, e a colloqui individuali supportati da uno psicologo esterno anche questo all’azienda.    

Piero Sassoli
Direttore Generale
Ataf spa

Clicca qui per vedere l'articolo di Repubblica (clicca dentro l'immagine che appare per allargarla e renderla leggibile)
Clicca qui per vedere il file che indica la provenienza delle ultime 75 assunzioni

<< Inizio < Indietro Avanti > Fine >>