Utilizziamo i cookie, anche di terze parti, per consentire la fruizione ottimale del sito. Proseguendo la navigazione, si accetta il nostro utilizzo dei cookie. Per maggiori informazioni o negare il consenso, LEGGERE QUI.
Ok
Ti trovi in: / Novità e comunicati / Comunicati stampa
condividi su:
Facebook
Google
RSS:
<< Inizio < Indietro Avanti > Fine >>
 

Anno scolastico al via, controlli a tappeto sulle linee ATAF

Al via martedì la campagna di controlli a tappeto per gli abbonamenti Ataf riservati agli studenti: un programma serrato di verifiche alle fermate in prossimità delle scuole e sui bus che percorrono le linee scolastiche. Oltre che a bordo dei mezzi, i controllori a terra chiederanno di esibire l’abbonamento anche a chi sale e scende alle fermate. E chi viene “beccato” senza titolo di viaggio rischia fino a 240 euro di multa.    
“Quest’anno abbiamo importanti novità e agevolazioni per i ragazzi – dice Filippo Bonaccorsi, presidente di Ataf –  regaliamo un mese di viaggi gratis agli studenti che appartengono allo stesso nucleo familiare, prolungando la validità dell'abbonamento annuale a 13 mesi senza incrementi di costo. Ma, allo stesso tempo, non permetteremo più a nessuno di viaggiare senza aver pagato l’abbonamento”.  
Il messaggio è chiaro: cari studenti comprate l’abbonamento e portatelo sempre con voi. Nelle scorse settimane, il presidente di Ataf e gli assessori alla scuola del Comune e della Provincia di Firenze, Rosa Maria di Giorgi e Giovani Di fede, hanno inviato una lettera a tutti i presidi delle scuole fiorentine: “Abbiamo chiesto di aiutarci a far passare il messaggio ai ragazzi”, spiega Bonaccorsi.    
“Crediamo molto in questa operazione, che è stata pensata per spingere i giovani verso forme di mobilità sostenibile che ci aiutino a costruire una città più sana e pulita, dove il viaggio da casa a scuola sia anche un momento di socializzazione e condivisione. Presidi e insegnanti, che rivestono un ruolo chiave nel percorso formativo dei ragazzi, ci aiuteranno anche a far passare un messaggio di civiltà: pagare il biglietto è segno di rispetto per un’azienda pubblica, patrimonio di tutti i cittadini”.
<< Inizio < Indietro Avanti > Fine >>