Utilizziamo i cookie, anche di terze parti, per consentire la fruizione ottimale del sito. Proseguendo la navigazione, si accetta il nostro utilizzo dei cookie. Per maggiori informazioni o negare il consenso, LEGGERE QUI.
Ok
Ti trovi in: Progetti innovativi / Progetti europei / Progetto FLIPPER
condividi su:
Facebook
Google

Progetto FLIPPER

FLIPPER: FLexible transport services and ICT Platform for eco-mobility in urban and rural euroPEan aReas

Programma EU INTERREG IVC

INTRODUZIONE

In Europa la sfida per realizzare un sistema integrato di trasporto pubblico che consenta una maggiore efficienza ed accessibilità ai servizi stessi è vista come requisito preliminare ed essenziale per ridurre l'inquinamento e la congestione nelle diverse realtà locali, contribuendo ad uno sviluppo sostenibile.

I servizi di trasporto tradizionali, a percorso e orari fissi, sono ideali per le zone ad elevata densità di popolazione; tuttavia il cambiamento nelle abitudini dei cittadini e la natura delle attività lavorative di oggi hanno prodotto nuove esigenze di mobilità, che hanno reso, in questi casi, l'uso del trasporto convenzionale non adatto e antieconomico. Un approccio "flessibile" al servizio di trasporto pubblico si è reso quindi necessario per rispondere ad esigenze sempre più specifiche e difficilmente risolvibili con un unico modello di servizio. I Servizi di Trasporto Flessibile (FTS) rappresentano una soluzione intermedia tra la massima flessibilità ed il costo elevato offerta dal servizio taxi e la bassa flessibilità ma il costo contenuto del servizio di trasporto convenzionale. Data la loro "adattabilità" alla natura dei bisogni ed incentrati sulle caratteristiche dei vari contesti di volta in volta interessati, hanno fornito negli ultimi anni soluzioni vantaggiose, declinabili in varie forme e sempre complementari al trasporto pubblico convenzionale. I servizi flessibili si sono rivelati vincenti nel soddisfare richieste di nicchia o di particolari gruppi di utenti quali utenti diversamente abili e anziani, studenti, turisti, fasce di lavoratori, ecc.

La varietà di tali servizi, delle aree e dei bisogni da soddisfare richiede un alto livello di coordinamento dei processi che può essere garantito attraverso l'impiego di tecnologiche innovative applicate ai sistemi di comunicazione e informazione (Information Communication Technologies – ICT). La gestione può inoltre avvenire grazie ad un unico centro di coordinamento ("Agenzia") che assicura sia la necessaria flessibilità nella pianificazione, operatività e gestione di tali servizi, sia un'adeguata informazione all'utenza e rappresenta un chiaro punto di riferimento per le richieste degli utenti.

IL PROGETTO FLIPPER

FLIPPER è uno dei pochi progetti approvati (40) tra i 492 presentati nell'ambito del primo bando di finanziamento del nuovo programma EU INTERREG IVC (2007-2013). In linea con gli obiettivi del programma, FLIPPER sosterrà in un arco temporale di 3 anni, lo sviluppo sostenibile e la coesione sociale tra diverse realtà europee attraverso lo scambio e la diffusione di conoscenze e buone pratiche sui servizi di trasporto flessibili.

FLIPPER prevede l'organizzazione a livello interregionale di corsi di formazione, workshops, visite tecniche, produzione di specifico materiale tecnico e realizzazione di studi e applicazioni sul territorio. Inoltre è prevista una forte attività di promozione e diffusione delle buone pratiche sui servizi flessibili e a chiamata a livello europeo. FLIPPER capitalizza i risultati di esperienze consolidate sul territorio europeo (in primis l'esperienza di ATAF a Campi Bisenzio e quella del progetto SUNRISE che è stato coordinato da ATAF nel periodo 2004-2006), sia in zone rurali che urbane, per realizzare una rete aperta di diffusione e trasferimento della conoscenza e delle best practices in materia di trasporti flessibili rivolte ai diversi attori del settore del trasporto pubblico (enti locali, associazioni, gli operatori, ecc).

IL CONTRIBUTO DI ATAF AL PROGETTO

ATAF ha un ruolo preminente in FLIPPER data l'elevata esperienza acquisita nel corso degli anni nell'ambito dei servizi flessibili di trasporto. ATAF con ATL e l'Università di Aberdeen rappresentano i "core partners" del progetto e supporteranno da un punto di vista tecnico ed organizzativo la realizzazione dei corsi e degli eventi, la produzione del materiale tecnico e l'elaborazione degli studi di fattibilità previsti nelle differenti aree europee. ATAF è coordinatore delle attività di formazione e supervisore dei contenuti di tutti i corsi nonché responsabile dell'organizzazione della conferenza finale del progetto. A livello locale ATAF realizzerà uno specifico studio di fattibilità per un servizio di trasporto flessibile "feeder" a supporto della linea 1 della tranvia.

CONSORZIO EUROPEO

  • SRM – Reti e Mobilità Bologna (Agenzia della Mobilità Bologna – Coordinatore) IT
  • ATAF Firenze (IT)
  • AUTh – Università di Salonicco (GR)
  • BOKU – Università di Vienna (A)
  • Comune di Purbach (A)
  • UNIABDN – Università di Aberdeen (UK)
  • Comune di Volos (GR)
  • ATL (Azienda Trasporto Pubblico) Livorno
  • S.F.M. Serveis Ferroviaris di Mallorca (SP)
  • Comune di Almada (SP)
  • RAL (Organizzazione no-profit per l'erogazione di servizi di trasporto pubblico) Kilkenny (IE).