Utilizziamo i cookie, anche di terze parti, per consentire la fruizione ottimale del sito. Proseguendo la navigazione, si accetta il nostro utilizzo dei cookie. Per maggiori informazioni o negare il consenso, LEGGERE QUI.
Ok
Ti trovi in: Certificazioni / Responsabilità Sociale / Esame e monitoraggio SA 8000
condividi su:
Facebook
Google

Esame e monitoraggio SA 8000

La norma SA 8000 costituisce il primo standard a livello internazionale in materia di Responsabilità Sociale delle Imprese. La norma si basa su principi internazionali in materia di diritti umani e dei lavoratori ed in particolare fa riferimento ai concetti della Dichiarazione Universale dei Diritti dell’Uomo, delle Convenzioni ILO (International Labour Organization), delle Convenzioni delle Nazioni Unite sui Diritti del Bambino e per eliminare le discriminazioni contro le Donne.

ATAF SPA è certificata secondo gli standard internazionali di Social Accountability 8000 (SA 8000) dal 2003.  Nel corso dell’anno 2006 ATAF ha sostenuto positivamente due audit, il primo di mantenimento, il secondo di rinnovo del certificato. Gli scostamenti segnalati nell’anno 2006 sono stati i seguenti:

  1. la mancanza di comunicazioni all’esterno sugli esiti dei riesami e sui risultati di monitoraggio;
  2. il lavoro straordinario in alcuni casi risulta elevato;
  3. alcune carenze di materiali nei servizi igienici e nelle cassette di primo soccorso;
  4. una osservazione riguardante la corretta assunzione del ruolo da parte del rappresentante SA 8000;
  5. una osservazione sul criterio di utilizzo della bacheca RSU;
  6. il numero dei cambi in linea nell'ultimo periodo.

A fronte di tali anomalie, ATAF ha messo in moto le seguenti azioni di miglioramento:

  1. In primis la presente newsletter verso i nostri stakeholders, ed una rubrica sul mensile aziendale Bustop in cui si parla dei progetti Qualità, Ambiente e SA 8000 per garantire una continua e diffusa informazione sulle attività e sui progetti che vengono realizzati, 
  2. il contenimento dello straordinario a livello complessivo aziendale e in ciascun comparto, andando anche a migliorare le attività di monitoraggio del fenomeno nel corso degli anni 2005 e 2006, anche nel rispetto del nuovo piano industriale di risanamento e rilancio dell'azienda 2005-2008,
  3. l’ampliamento del numero dei dipendenti che costituiscono le squadre di emergenza, con nuovi corsi di primo soccorso e prevenzione incendi realizzati nel 2006; le cassette di primo soccorso a norma del D.Lgs 388/2003 sono verificate periodicamente per la sostituzione e il reintegro dei materiali scaduti o mancanti; un sistema di controllo continuo delle planimetrie di locali e depositi e delle attrezzature per la gestione delle emergenze (estintori, vie di fuga, ecc…) è stato avviato nel 2006,
  4. la nomina e la formazione del rappresentante dei lavoratori per la SA 8000, eletto in seno alla nuova RSU nell’ottobre 2005, a garanzia di un continuo ascolto delle istanze del personale,      
  5. la sensibilizzazione del problema con i rappresentanti sindacali unitari per favorire l'uso comune della bacheca aziendale messa a disposizione della RSU,
  6. una costante osservazione del fenomeno dei cambi in linea per la tempestiva segnalazione al reparto operativo di diagnosi e collaudo gli interventi di controllo da fare sulle manutenzioni interne ed esterne del parco autobus.

Sempre nel 2006 inoltre stati realizzati alcuni progetti specifici, quali:

  • l’aggiornamento delle competenze del personale addetto alle nostre mense aziendali (alimentaristi) nel 2006 e la pubblicazione in bacheca degli ingredienti utilizzati nella preparazione dei piatti più frequenti,
  • l’analisi e la revisione degli orari di pulizia e di ripristino materiali nei servizi igienici della stazione utilizzati dai nostri autisti, oltre che un’attività di informazione ed educazione all’uso dei servizi.